Adattogeni: tutto quello che devi sapere

Adattogeni: cosa devi sapere

L'adulto può essere completo. Ci sono relazioni da navigare. C'è lavoro. Il flusso costante di pressioni della società per ottenere questo - fare quello - sembra. Aggiungete a ciò la crisi del costo della vita, l'aumento delle bollette energetiche... e e [colmate il vuoto]. Ciao stress! È diventato normale essere “stressati”. Nel mondo della nutrizione c'è una crescente attenzione agli adattogeni. Un altro modo per aiutarci a far fronte allo stress. 

Adattogeni definiti

Gli adottatogeni sono determinate erbe o funghi che si ritiene abbiano molteplici benefici per la salute. Si ritiene che queste erbe siano particolarmente efficaci nell'aiutare il nostro corpo a raggiungere o riprendersi dallo stress fisico o mentale sia a breve che a lungo termine. Alcuni sono stati anche collegati al potenziamento dell'immunità e del benessere generale. Sono stati usati per centinaia di anni nella medicina ayurvedica, ma ora stanno diventando più accessibili anche nel mondo occidentale. Poiché le erbe sono molto amare, vengono spesso trasformate in integratori in polvere (assunte in capsule), tisane o integrate in tinture.

Come funzionano gli adattogeni?

La ricerca sugli adattogeni è in corso. Sebbene ci siano prove limitate da studi di alta qualità a sostegno delle affermazioni sull'efficacia, stanno iniziando ad emergere alcuni studi nuovi e promettenti.

I ricercatori affermano che le erbe adattogene interagiscono con l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che è un complesso sistema di ghiandole, ormoni e recettori nel corpo umano. L'asse HPA è fondamentale per l'omeostasi del corpo, le risposte allo stress e il metabolismo energetico. Gli adattogeni lavorano con l'asse HPA per bilanciare questi sistemi. Se c'è troppo di un ormone, gli adattogeni aiutano ad abbassarlo, per esempio. Il rovescio della medaglia, se

non c'è abbastanza ormone, gli adattogeni possono aiutare a ricostituirne i livelli. Alcuni studi suggeriscono anche che gli adattogeni interagiscono con il sistema immunitario-neuro-endocrino che aiuta l'organismo a regolare l'utilizzo dell'energia ea mantenere forti le difese immunitarie.

Gli adottatogeni sono efficaci?

Come un mini vaccino, alcuni adattogeni sembrano inocularci allo stress e aiutarci a farcela. Una recente revisione scientifica ha esaminato gli studi sugli adattogeni (che coinvolgono in particolare Ashwagandha, Rhodiola) e ha suggerito che queste erbe potrebbero potenzialmente beneficiare le persone durante i periodi di stress cronico, ad esempio. Tieni presente che ci sono ancora solo studi di ricerca clinica limitati a sostegno della sicurezza e dell'efficacia degli adattogeni ed è per questo che alcuni esperti di salute avvertono che queste erbe non sono necessariamente tutto ciò che dicono di essere. 

Esempi di erbe adattogene

Esistono molti tipi diversi di adattogeni, ognuno dei quali ha una propria azione specifica. Ogni adattogeno ha un effetto diverso sul corpo, quindi quello che prendi dipenderà dal risultato che cerchi.

Esempi di quelli comuni sono:

adattogenoPotenziale vantaggio
Ashwagandha Un tonico generale. Riduce lo stress e l'ansia. Aiuta con l'invecchiamento. Aumenta i livelli di testosterone.
Astrago Combatti la stanchezza
Rodiola rosea L Previene l'affaticamento fisico e mentale
Tulsi (basilico santo)Favorisce il rilassamento, allevia lo stress e l'ansia 
Ginseng siberianoSupporta buoni livelli di energia e aiuta a superare l'esaurimento 
CordycepsUn tipo di fungo che aiuta il corpo ad adattarsi allo stress e promuove un sonno salutare 
LiquiriziaAumenta l'energia, la resistenza e aiuta a potenziare il sistema immunitario, stimolando le ghiandole surrenali per promuovere livelli sani di cortisolo 
MacaMigliora l'umore e aumenta l'energia 

Calcola il tempo giusto per i tuoi adattogeni

Gli esperti di nutrizione consigliano di utilizzare adattogeni per alcuni giorni o settimane quando senti che il tuo corpo ha bisogno di supporto. Tuttavia, raccomandano anche di ruotare il tipo di adattogeno che stai usando dopo sei settimane in modo che il tuo corpo possa beneficiare delle sottili differenze tra le erbe.

Gli adattogeni stimolanti come la rodiola dovrebbero essere assunti all'inizio della giornata per allinearsi con il ritmo circadiano del corpo. Gli adattogeni calmanti come il basilico santo possono essere assunti la sera o prima di coricarsi

Effetti collaterali

Gli adottatogeni sono erbe non tossiche, tuttavia, alcuni fattori dovrebbero essere presi in considerazione prima di iniziare a consumarli:

  1. Possono reagire con altri farmaci. Se stai assumendo un farmaco prescritto, assicurati di parlare con il tuo medico prima di aggiungere qualsiasi adattogeno alla tua routine. La radice di liquirizia, ad esempio, può causare un aumento della pressione sanguigna. 
  2. Sono migliori a basse dosi assunte per brevi periodi. Gli esperti raccomandano di ingerire erbe adattogene a piccole dosi ogni giorno per 6-12 settimane. L'assunzione di dosi maggiori in un unico ambiente può provocare effetti avversi come nausea, vomito, vertigini o mal di testa. Esistono pochi studi a lungo termine che hanno esaminato la sicurezza dell'assunzione di specifici adattogeni nel tempo.
  3. Funzionano in modo diverso da persona a persona. Non prendere un adattogeno solo perché il tuo migliore amico ne prende uno e lo giura. Gli adattogeni possono reagire in modo diverso tra gli individui. Quindi, assicurati di ricercare quale potrebbe funzionare meglio per te e per ottenere i migliori risultati consulta un professionista della salute su come incorporarlo al meglio.

Messaggi da portare a casa

Mentre gli adattogeni sembrano essere utili tamponi, ricorda che non sono una panacea o un sostituto. Usali per far fronte a periodi intensi della vita e per rimanere dolcemente energizzato a lungo termine, ma assicurati di non trascurare altre cose importanti come mangiare bene, fare esercizio fisico regolarmente, meditare, respirare e passare abbastanza tempo a letto. 

Testimonianze

  1. Ajala TO. 2017. Gli effetti degli adattogeni sui sintomi fisici e psicologici dello stress cronico. Scoperta.4;2
  2. Zhang Her al. 2020. Caratteristiche delle cultivar del ginseng di Panax in Kora ed in Cina. Molecole. 25(11);2635
  3. Panossiano A et al. 2021. Evoluzione del concetto adattogeno dall'uso tradizionale ai sistemi medici: Farmacologia dello stress e delle malattie legate all'invecchiamento. Med Ris Rev; 41(1): 630-703
  4. Lopresti A et al 2019. Un'indagine sulle azioni antistress e farmacologiche di un estratto di ashwagandha: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Medicinale. 17186
  5. Jin et al. 2020. Rassegna sistematica clinica e preclinica di Ginseng e dei suoi composti per affaticamento. Front Pharmacol. 11. 1031
  6. Mondal S et al. 2011. Studio controllato randomizzato in doppio cieco per gli effetti immunomodulatori dell'estratto di foglie di Tulsi su volontari sanitari. J Etnofarmaco. 136(3):452-456